2022: SARA' L'ANNO di SPARTIACQUE PER LA STORIA DELL'UMANITA'?

Mentre molti si chiedono se il 2022 sarà decisivo per la fine della pandemia, due visioni del mondo sono messe a confronto: Trans-umanesimo e Coscienza collettiva.

Con il termine di spartiacque, utilizzato generalmente in geografia fisica, si intende indicare una "linea" di displuvio che separa un bacino fluviale dai suoi contermini, creando a volte una vera cresta (come si vede nella foto sopra) di netta demarcazione in superficie e visibile soprattutto nei bacini delimitati da rilievi.


Allo strabiliante spettacolo della natura, il significato di spartiacque, può altresì acquisire anche diversi significati; in particolare a quello della situazione globale attuale.

In tale momento, vi è infatti un certo orientamento sempre più generalizzato, a credere che il 2022 sarà il grande divisore tra il prima e dopo pandemia, tanto da appellarsi come "l'anno spartiacque riguardo la storia dell'umanità".


LA SVOLTA GREEN E' GIA QUI



E una chiara volontà da parte dei governi nel convergere in tale direzione, la si può già trovare oggi nella transizione ecologica e quella digitale, espressioni della realtà che cambia, tanto che:

Ma sia la transizione ecologica che la digitalizzazione non sono le uniche verità di cui tener conto, in questo totale cambio di rotta. Ed anche se gli orizzonti appaiono ancora cupi e caliginosi, sembra si prevedono prima o poi tempi futuri migliori, in cui emergerà una nuova umanità e pertanto una nuova era.

A dirlo, non sono soltanto i molti mistici famosi e molto apprezzati nel mondo a commentare tale transizione, ma bensì una larga fetta della popolazione mondiale che si sta risvegliando dal torpore dei lockdown, per asserire le proprie legittime libertà offuscate dalle restrizioni degli ultimi due anni, e proclamare con forza e determinazione l'inizio di una nuova era, appunto. Ovviamente, in contrasto all'evolversi della cosiddetta coscienza collettiva, si ritrova invece il trans-umanesimo, (o sostenitore della Scienza) che oltre a professare la sua verità come unica soluzione per un mondo in cui macchine ed uomo possono coabitare perfettamente, esso diventa uno dei quesiti riguardo sul destino dell'umanità e cioè:

  • Se l'uomo oltrepasserà il confine dell'umanità, per ritrovarla in nuove forme asettiche digitalizzate e virtuali con il Transumanesimo, o cambierà decisamente direzione, verso una nuova espressione di umanità spirituale e collettiva?

Ecco che Scienza e Coscienza divengono le due facce della stessa medaglia, rivelando a piccoli passi il cambiamento in atto, e preludendo ad un 2022 che lascerà in ogni caso un segno importante.

Ma prima di approfondire la discussione sulle due opzioni anticipate, (Scienza e Coscienza) vale la pena soffermarsi su un singolo dato che di per sé racconta molto bene e inequivocabilmente il bivio che stiamo per intraprendere tutti e cioè di comprendere se:

  • Esiste un prima e dopo Covid a cui dobbiamo oramai tener conto?


PRIMA E DOPO COVID

Crudele e disumano non poter piangere sulla bara di una persona cara: è la dura legge della pandemia.”
- Giuseppe Zuccarini -

Nel tentativo di cercare di spiegare l'emergenza ed il mondo che sta cambiando attraverso una chiave di lettura alternativa, rispetto alle solite tipologie predominanti (vedi la tesi medico scientifica per eccellenza), vi è un dato inconfutabile che segna un primo e rilevante Spartiacque nella storia umana. Si tratta del PRIMA (o avanti) COVID e DOPO COVID (che potremo siglare ironicamente con A.C. e D.C.) e che richiama ad una serie di differenze ciclopiche avvenute nella vita di tutte le persone, riguardo:

Il conseguente timore per un mondo futuro diverso, forse non proprio bonariamente costruito ad hoc per tutta la popolazione mondiale, nasconde in molti un ineluttabile esigenza di ritrovare un pò di normalità nei dettagli quotidiani o perlomeno di riscoprire l'essenzialità dei valori dimenticati, come amore, compassione e spiritualità; in netto contrasto per gli altri, che invece si affidano completamente alla fede della Scienza, in modo sviscerale e senza porsi alcun dubbio o perplessità scegliendola come unica verità in questa ormai conclamata e difficile fase di transizione, tra il prima e dopo Covid.


FIDUCIA nel PIL, SCIENZA e TECNOLOGIA

"Il transumanesimo è un'intensificazione di una tendenza già insita nella cultura dominante, ossia nel capitalismo."
(Mark O'Connell)

Mentre le previsioni del Centre for Economics and Business Research riguardo l'economia globale e riportate dal Sole 24 ore, vedono l'aumento del PIL globale sopra i 100 mila miliardi già nel 2022, (grazie agli stimoli elargiti per rispondere alla Pandemia) vi è nel contempo, una esponenziale crescita dell'inflazione ed un pericolo alla conseguente recessione nei prossimi due anni, in cui l'asset economico potrebbe addirittura così cambiare:

  • Cina prenderà il primo posto agli Stati Uniti (come riportato nel bellissimo video doc del "The Economist", in cui vengono presentate 5 possibili previsioni nel 2022) ;

  • India supererà sia Francia che Germania prendendo il terzo posto a livello globale nei prossimi 8 anni;

  • Italia manterrà ancora l'ottavo posto nel 2022, pur in considerazione della diffusione del caro prezzo e del nuovo Presidente della Repubblica appena eletto.

Pertanto, oltre alla ripresa economica sempre più improntata sulla sostenibilità e digitalizzazione, vi è una vera accelerazione del progresso scientifico-tecnologico senza precedenti, che presenta una versione-visione del futuro, detta Transumanista, che ha lo scopo di migliorare la condizione e la capacità umana (come l'invecchiamento o la morte) attraverso la regolarizzazione di alcuni principi basati sulle tecnologie utilizzate e che come riportato dall'Associazione Italiana Transumanisti il Manifesto così riporta:

"Noi transumanisti ci siamo dati un obiettivo chiaro e ambizioso: creare nel nostro paese le condizioni per una rivoluzione morale e intellettuale di orientamento prometeico. Vorremmo vedere l’Italia e l’Europa protagoniste di una nuova fase di sviluppo tecnologico, scientifico, industriale, culturale, ma anche biologico – allungamento della vita, rallentamento del processo di invecchiamento, salute dei cittadini, potenziamento fisico e psichico di disabili e normodotati, anche oltre i limiti della nostra attuale struttura biologica."
AIT - Associazione Italiana Transumanisti -

I presupposti a tale avvicinamento sono comunque già visibili oggi. Basti pensare agli ultimi due anni e di come la Scienza con le sue scoperte sul relativo al vaccino (o diremo siero) utilizzate per sconfiggere il virus pandemico, hanno ribaltato completamente la relazione tra uomo ed apparato tecnico-scientifico, in cui il raggiungimento della salvezza e del miglioramento umano, intendono superare l'imperfezione umana.

Quindi, la tecnica a favore della vita con i suoi supporti tecnologici indirizzati nel bio umano, è sembra più una realtà; proprio come nel caso di Elon Musk, che in questi giorni ha annunciato che a breve effettuerà il primo impianto di chip in un cervello in un paziente paralizzato, con lo scopo di migliorarne le performance sulla tastiera per lui a comunicare. E' chiaro che il 2022 riserverà ancora molte sorprese in merito, mentre nel frattempo crescono gli innumerevoli estimatori riguardo la visione transumanista.


IL VENTO DEL CAMBIAMENTO

“Sono convinto che anche nell'ultimo istante della nostra vita abbiamo la possibilità di cambiare il nostro destino.”

(Giacomo Leopardi)

Gennaio è da sempre considerato il mese dei buoni propositi individuali. Si inizia infatti con le migliori intenzioni, che spesso sfumano in mere parole o rimandi continui, e senza lasciare alcunché all'orizzonte. Ma con l'inizio del 2022, succede qualcosa di completamente nuovo e Gennaio ne diviene fin da subito la prova "vivente".


Succede infatti che in tutto il mondo, un crescente numero di persone si sta iniziando a ribellare alle molte restrizioni imposte dalla Pandemia. Persone di varia classe sociale, età ed etnia, decidono così di protestare in piazza per dire semplicemente no alla vaccinazione obbligatoria e alle regole imposte dal Green Pass.

A causa di ciò, tutti i diritti principali ormai calpestati, sembrano dirigersi verso un'unica strada, e cioè quella della dimenticanza, derivante soprattutto dalla consuetudine comportamentale accettata ormai dalla maggior parte della popolazione. Ecco che una pericolosa deriva analoga con il passato, (pur se diversa ed orribile rispetto alla situazione attuale), riformula alcuni punti di assoluta e doverosa riflessione, quali:

  • che le cure sanitarie dovrebbero essere sempre garantite anche a coloro che non decidono di cacchinarsi; ( vedi per esempio il Giuramento di Ippocrate);

  • che il divieto di accesso ai non vaccinati verso i molti luoghi aperti al pubblico ed agibili adesso solo con Green Pass o addirittura Green Pass Rafforzato (solo per chi ha ricevuto tre dosi del siero) dovrebbe essere ripristinato a pieno diritto d'accesso, visto il graduale ritorno alla normalità (in considerazione degli ultimi dati) e dato che inoltre si scontra con il REGOLAMENTO (UE) 2021/953 DEL PARLAMENTO EUROPEO (Nello specifico al punto 36, riguardo la Discriminazione).

Sta di fatto che il vento del cambiamento si comincia a sentire un pò ovunque, e che potremo sintetizzarlo come "un vero risveglio collettivo" o avanzata della coscienza collettiva, che ha quasi sempre silenziosamente e compostamente resistito in questi lunghi 24 mesi, operando in direzione contraria alla durezza del sistema ed alla presunzione spesso della Scienza (o Scientismo) di avere un unica risoluzione rispetto al problema Virus.

Ecco due tra gli esempi più recenti e tangibili di tale "wind of change":

  1. Freedom Convoy: il convoglio di circa 4500 di camion canadesi ed americani sta intasando completamente Ottawa negli ultimi giorni di gennaio, per dire no sia all'obbligo del vaccino e di far cessare tutte le misure restrittive;

  2. Australia: paese con le restrizioni più rigide al momento, ha visto in questi mesi migliaia di persone riunite nelle varie città di tutta l'Australia per protestare contro l' obbligo vaccinale, in cui in una manifestazione è stato tenuto un MINUTO DI SILENZIO per i non vaccinati che hanno dovuto perdere il lavoro.

Quindi, la coscienza collettiva umana cresce ogni giorno, rivelandosi in pieno titolo come l'altra faccia al nuovo rinascimento digitale o quarta rivoluzione, che si adopera invece attraverso il transumanesimo. Ma entrambe, pur se in modalità inverse, ci pongono una semplice e domanda diretta:

  • Quale mondo ci aspetta, dunque?


GRANDE RESET O GRANDE RISVEGLIO?

"Ogni giornata è una piccola vita, ogni risveglio una piccola nascita, ogni nuova mattina è una piccola giovinezza."
(Arthur Schopenhauer)

Stiamo vivendo ormai da due anni una nuova normalità che sembra essere l'unica via d'uscita a questa cosiddetta Pandemia infinita (presente ancora in alcuni paesi, tra cui l'Italia). Ed in tale emergenza si stanno sviluppando "in parallelo" due correnti di pensiero nel mondo o che forse potremo dire più due visioni o due mondi diversi, molto distanti tra loro che forse non si incontreranno mai, e che racchiudono però un importante comune denominatore, nel:

  • desiderare e cercare di creare un futuro migliore rispetto ad oggi.

Inoltre, è interessante notare come sia il transumanesimo che il risveglio della coscienza collettiva, prendono forma all'interno della nostra madre terra, dove uno spinge verso l'altro e dove entrambi però non hanno ancora mai:

  1. valutato l'incontro presso un luogo neutro di discussione per cercare di unire i vantaggi di ognuno nello scopo di ricostruire insieme il domani di tutti.

  2. accettato i propri limiti e dell'altro, quali l'ottusità critica od il cieco fanatismo ad un ordine unico e non intercambiabile, invece di provare ad ampliare i propri orizzonti cognitivi.

Come detto sopra, essi rappresentano pertanto i due volti di una stessa medaglia e soprattutto potrebbero rivelarsi il vero trampolino di lancio per il nuovo punto zero post covid, a cui tutti potremo già assistere nel 2022.


Se da un lato, i principali protagonisti del mondo della finanza insieme all'ideatore del WEF Klaus Schwab, portano comunque avanti il progetto del Great Reset nella riorganizzazione globale, strizzando l'occhio al Transumanesimo attraverso un'agenda fitta fino al 2030, che cristallizza fin d'ora una nuova storia per l'umanità, dall'altro lato, vi è invece un inversione di rotta derivante dalle moltissime persone, che tradite ed abbandonate dalle istituzioni in questa fase, stanno scoprendo nuove verità a quelle propagandistiche del Mainstream ufficiale, e che arriva come un enorme onda d'urto, ponendo un ulteriore quesito:

  • Siamo alla fine di un tempo e all'inizio di una nuova era?

A confermare quanto detto, vi sono due notizie completamente "opposte" ma che sembrano comunicare proprio un certo messaggio riguardo l'esistenza di due mondi diversi in uno: il mondo di luce e quello di ombra, riportato egregiamente nell'ultimo libro "Lo scontro globale" di Cosimo Massaro, che evidenzia la possibilità di un inizio possibile, ma dopo la battaglia delle battaglie. I due fatti da tener conto sono appunto:

Ebbene, se ci pensiamo, il futuro è già qui. E l'anno 2022, appena iniziato si sta già in parte rivelando come un perfetto demarcatore o spartiacque per la storia dell'umanità, in quanto la lotta tra i due mondi diversi, e cioè quello transumanista e spirituale, pur se a distanza, orienta alla nascita di nuovi imprevedibili pericoli, come il rischio di una terza Guerra Mondiale sempre più vicina, ma anche di grandi sfide ed opportunità nel cambiamento epocale dell'essere umano, che attraversando le discriminazioni e la paura perenne di un emergenza, l'uomo ha acquisito una nuova forza e determinazione verso la scoperta del suo vero sé.


Quindi, che la direzione verta da un lato o dall'altra, nessuno lo sa, ma verrà inevitabilmente il momento in cui ognuno dovrà effettuare una scelta in questa battaglia tra Scienza e Coscienza. E forse proprio nel 2022.

E voi da che parte state? Noi di OUTSIDERPOST ci sentiamo di dare la nostra plausibile risposta in merito:

Stare certamente dalla parte della verità e libertà dell'essere umano. Sempre.


gif